Dino Marcuglia (Optometrista)

Libero professionista esercita come optometrista in uno studio privato a Spinea in provincia di Venezia.

Docente di optometria e contattologia nei corsi organizzati da EIDON – Centro Formazione Studi della Fondazione Banca degli occhi Veneto – e dell’istituto IRSOO di Vinci -Istituto Regionale di formazione di optometria.

Docente in Master Universitari di Posturologia.

Socio fondatore di AIPA-Associazione Italiana di Posturologia Applicata.

Professore di contattologia II° con laboratorio e contattologia avanzata presso l’Università di Firenze nel corso di laurea in Ottica e Optometria della Facoltà di Scienze matematiche fisiche e naturali.

Inoltre è consulente in diversi studi medici privati, cliniche oculistiche e aziende che operano nel settore dell’ottica e dell’oftalmologia.

Il mio lavoro di ottico-optometrista è la ricerca della migliore soluzione nella correzione delle alterazioni della vista.

Il consiglio su un occhiale adatto alle esigenze visive specifica per la persona, l’applicazione di lenti a contatto tradizionali, alle lenti a contatto a porto continuo, senza toglierle per 30 giorni, alla orthocheratologia, l’uso della lente durante il sonno per il modellamento della cornea a scopo rifrattivo.

Sempre più le persone richiedono consulenze sulla corretta postura in ambito lavorativo o scolastico, anche molti specialisti di varie discipline mediche e non, richiedono una consulenza all’ottico-optometrista, proprio per la specifica cultura in materia della visione.

Questo porta ad avere un’approccio più olistico della persona e la costituzione di una rete di specialisti che abbiano la stessa metodica di valutazione, con la possibilità di collaborare per meglio gestire e risolvere la situazione di malessere che affligge il nostro utente.

In tanti anni di lavoro concentrati su questo obbiettivo, ho potuto creare una rete di professionisti che seguono questa filosofia di approccio, e stiamo avendo ottimi riscontri, sia in campo professionale che di soddisfazione dei nostri utenti.

SONO MIOPE ED ASTIGMATICO, POSSO USARE LE LENTI A CONTATTO?
Il difetto di vista non è un limite nella applicazione delle lenti a contatto, bisogna valutare se si può procedere ad una applicazione di lenti in blister, tipo mensili, oppure se il difetto di vista è particolare, si possono costruire su misura.

SONO IPERMETROPE E PRESBITE, POSSO USARE LE LENTI A CONTATTO?
Il difetto visivo dell’ipermetropia può essere corretto con le lenti a contatto, però la qualità della visione è meno gratificante rispetto alla correzione della miopia. Per la presbiopia ora è possibile usare le lenti a contatto, la qualità della visione è soddisfacente, ma non eguaglia quella dell’occhiale.

LE LENTI A CONTATTO SONO SICURE?
La sicurezza passa sempre attraverso ad una attenta valutazione sulla salute dell’occhio, ed una consapevolezza che le lenti a contatto devono essere sempre disinfettate con cura ed all’osservazione del programma di controllo e disinfezione proposto dall’ottico-optometrista.

QUANDO DEVO CAMBIARE IL CONTENITORE DELLE LENTI A CONTATTO?
Il contenitore è una delle cause principali di infezioni, infatti è il biofilm che si forma sul fondo del contenitore e sulla superficie interna dei tappi, il terreno di coltura principale dei batteri.

QUANDO LEGGO O LAVORO AL COMPUTER MI BRUCIANO GLI OCCHI, PERCHE’?
Escludendo difetti visivi non compensati o compensati male, escludendo patologie a carico dell’occhio, il bruciore può dipendere da vari fattori. Uno di questi è la distanza dal monitor, una posizione del monitor sbagliata, da una mancanza di pause durante il lavoro, oppure da una illuminazione eccessiva.

Telefono
+39 041.999916
+39 347.0497577

 

Nome e Cognome

E-mail

Oggetto

Richiesta


SICUREZZA

Codice di sicurezza
captcha
Inserisci qui il codice di sicurezza


PRIVACY

Trattamento dei Dati Personali

Inviando questa richiesta di informazioni autorizzo al trattamento dei miei dati personali nel rispetto del Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196.